Impiegata al banco gastronomia

Noi, di famiglia internazionale

La famiglia della Pizzeria Gastronomia Rimassa di Genova

tamimNoi siamo una famiglia. E non siamo una famiglia solo nel senso metaforico ormai fin troppo comune perché tra noi andiamo d'accordo e amiamo lavorare in armonia.

Siamo un bel gruppetto di persone: i ragazzi sempre sorridenti che fanno le consegne e poi noi, che siamo una famiglia per davvero.

Io mi chiamo Tamim, che però si pronuncia "Temim". Sono nato in Egitto, ma vivo in Italia da quasi 15 anni. Mia moglie si chiama Naima, e lei è qui da ancora più anni di me. E abbiamo due bambine belle e intelligenti (che usano il nostro Mac meglio di noi!), che si chiamano Nour (che vuol dire "Luce") e Sara, cui abbiamo voluto dare un nome italiano e biblico.

Quando sono arrivato in Italia facevo il muratore e il decoratore (stucchi veneziani e pitture decorative, cosa che faccio ancora adesso a volte per arrotondare), e questo lavoro mi piaceva molto (ho ristrutturato e decorato a modo mio e con le mie mani la mia gastronomia pizzeria). Però poi il lavoro è andato diminuendo, e venivo pagato sempre di meno. Avevo sempre sognato di avere un piccolo locale dove cucinare alle persone qualcosa di buono, per cui ho preso la mia decisione e l'ho fatto, investendo qui i nostri risparmi.

Quando qualcuno mi fa un complimento per la mia cucina non so mai bene cosa rispondere e il più delle volte rimango lì un po' imbarazzato, ma dentro mi sento felice e mi viene da pensare che tanti sacrifici, dopotutto, hanno avuto un senso.

L'esterno della gastronomia pizzeria RimassaInizialmente è stata difficilissima questa avventura. E in certi periodi dell'anno lo è ancora. A volte mi pento di aver aggiunto sulla mia insegna "specialità egiziane" (e prima o poi la rifaccio), perché ogni tanto mi viene l'orrendo sospetto che qualcuno non entri nel mio locale proprio per questo e non noti che c'è scritto anche "specialità genovesi". Mi verrebbe da rincorrerlo e giustificarmi: non offro solo specialità egiziane come kebab e couscous! Facciamo delle ottime pizze! E stando qui ho imparato a fare la focaccia al formaggio, le torte di verdure alla genovese e ogni volta che posso le lasagne, che rimangono uno dei miei piatti preferiti, anche se dovrei invece mettermi un po' a dieta.

E poi vorrei dirgli che offro anche patti sani, o dietetici, o vegetariani, o tutte e tre le cose insieme. Un'amica genovese (quella che mi ha costretto a parlare di me e a scrivere questo... papiro e che lo correggerà un po' perché l'italiano scritto non è esattamente il mio forte) mi ha fatto notare che se anche spiegassi tutto questo, probabilmente non sarebbe sufficiente a far superare quel piccolo preconcetto che si annida ancora in alcune persone verso la cucina straniera e verso chi appare ancora straniero anche se è italiano a tutti gli effetti, lavora dalle 7 del mattino all'una di notte e paga le tasse (e quante tasse!).

E quindi invito a venirmi a trovare tutti gli altri!

  • Quelli che sono curiosi di veder se davvero un "egi-taliano" è in grado di fare buone anche pizze, lasagne e focaccia.
  • Quelli che apprezzano un couscous preparato come si deve (non certo quello istantaneo!).
  • Quelli che si sentono cittadini italiani, ma anche cittadini del mondo.

Benvenuti da Tamim! :-)

Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.